barolo docg

“Se il gufo fa il nido su una quercia tra le vigne, l’annata sarà indimenticabile…” così raccontavano i nostri nonni.

Il gufo, simbolo di saggezza, per un vino come il Barolo che ripaga la paziente attesa con calici in cui trovare ispirazione, sapienza e cultura.

vai a BAROLO RAVERA

CONTATTI


Daniele Gaia

daniele.gaia@vinoreva.it

Gianluca Colombo

gianluca@vinoreva.it

Comune: Barolo, Monforte d’Alba, La Morra, Serralunga

Superficie: 3 ha

Esposizione: sud, sud-ovest

Altitudine: 250-360 m

Vitigno: Nebbiolo 100%

Densità d’impianto: 4500 ceppi per ettaro

Tipo di vendemmia: raccolta manuale

Conformazione del suolo: marne di Sant’Agata, fossili ed arenaria di Diano d’Alba

 

Vinificazione: fermentazione spontanea a contatto con le bucce in vasche d’acciaio per 30-35 giorni. La fermentazione malolattica viene effettuata per l’80% in botti grandi di rovere (austriaco) e per il restante 20% in barriques usate.

Affinamento: 24 mesi in botti di rovere con successivo imbottigliamento nel mese di agosto

Potenziale d’invecchiamento: oltre 20 anni

Produzione: 8000 bottiglie

Formato: 0.75 L – 1.5 L Magnum

Temperatura di servizio: 18° C

Profilo sensoriale: bouquet con aromi di salvia, frutta a bacca rossa e note di tabacco e rosa. Gusto pieno ed elegante, con tannini morbidi, avvolgenti, profondi.